STATO SENZA ECCEZIONE

Zorro Travaglio

Laddove la politica britannica passa serenamente sopra la contraddizione tra la promozione del culto nazionale della privacy e il suo inquietante apparato di controllo sociale; la democrazia italiana non riesce a frenare i propri “scivoloni della lingua” rivelatori mentre annaspa in mezzo al medesimo pantano fangoso.

una compressione della liberté è necessaria per salvare l’égalité

Ecco quindi la lingua dell’italico garante della privacy capitombolare rispondendo all’esigenza dell’organo ufficiale del Partito delle Manette di “sconfiggere ansie di intrusione nella privacy dei cittadini per l’obiettivo comune di far pagare il dovuto ai più furbi che nascondono le proprie ricchezze” (Il Fascio Quotidiano, 05/01/12): “Una dolorosa compressione della libertà è legittima in tempi eccezionali“, è costretto ad ammettere Francesco Pizzetti. In altre parole, una compressione della liberté è necessaria per salvare l’égalité.

Se in tempi democratici la fraternité è liquidata in principio già nel giudizio popolare sul diritto di successione (“parenti=serpenti”) e la liberté è malleabile come la cera, l’égalité sopravvive in nella forma bizzarra dell’equa distribuzione di misure eccezionali che sospendono le garanzie democratiche.

Ora, dato che pensare ad uno stato di eccezione senza eccezione è una condizione patologica più che un’opinione politica, resta da intendere chi lo impone.

[vedi anche: ORGASMI FISCALI E «FASCISMO DEL XXI SECOLO» sul blog del Nostromo]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...